Giudice di Pace Palermo, sentenza numero 568 del 03/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Giudice di Pace di Palermo, sentenza n. 568 del 3 aprile 2014

Ufficio del Giudice di Pace di Palermo – Sentenza n. 568 del 03/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 129, 187, 218 e 223 del Codice della Strada – Guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti – La sostanza stupefacente rinvenuta all’interno del veicolo non prova che il conducente ne abbia fatto uso prima di mettersi alla guida dell’autovettura. E’ necessario provare lo stato di alterazione psico-fisica accompagnando il soggetto presso una struttura ospedaliera per gli esami tossicologici o effettuare accertamenti con strumenti atti ad eseguire esami, così come prevede la normativa vigente nel rispetto della riservatezza
.

Leggi tutto “Giudice di Pace Palermo, sentenza numero 568 del 03/04/2014”

T.A.R. Lombardia, sentenza numero 18 del 08/01/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
T.A.R. Lombardia, Sezione terza Milano, sentenza n. 18 del 8 gennaio 2014

Tribunale Amministrativo Regionale Lombardia – Sezione III Milano, Sentenza n. 18 del 08/01/2014
Circolazione Stradale – Art. 128, 218 e 222 del Codice della Strada – Incidente stradale con esito mortale – Revisione della patente di guida – E’ sempre disposta la revisione della patente di guida quando il titolare è coinvolto in un incidente stradale con danni a persone ed una delle violazioni al medesimo contestate comporta la pena accessoria della sospensione del documento di guida.

Leggi tutto “T.A.R. Lombardia, sentenza numero 18 del 08/01/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 20560 del 19/05/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 20560 del 19 maggio 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 20560 del 19/05/2014
Circolazione Stradale – Artt. 200 e 201 del Codice della Strada – Verbalizzazione e notificazione delle violazioni – Atto redatto in forma digitale ed automatizzata – E’ lecito il verbale di contestazione di una violazione al codice della strada redatto in forma digitale ed automatizzata mediante la creazione di file immodificabile inserito nel sistema operativo dell’ente recante l’indicazione di cui al D.Lgs. n. 39/1993, art. 3, comma 2, ed il pubblico ufficiale che adotta tale procedura non risponde del reato di falsità materiale di cui all’art. 478 c.p..

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 20560 del 19/05/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 19489 del 12/05/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 19489 del 12 maggio 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 19489 del 12/05/2014
Circolazione Stradale – Artt. 154 e 193 del Codice della Strada – Cambiamento di direzione o di corsia o altre manovre – Incidente stradale – Il conducente che intende effettuare la manovra di svolta, deve assicurarsi che nessuno sopraggiunga da tergo, a prescindere dal fatto che l’altrui condotta di guida sia aderente o inosservante alle prescrizioni in tema di circolazione stradale.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 19489 del 12/05/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 17811 del 28/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 17811 del 28 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 17811 del 28/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 9-ter e 141 del Codice della Strada – Divieto di gareggiare in velocità con veicoli a motore – Principio di specialità – Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 9-ter del C.d.S., è sufficiente il solo fatto di porre in essere la condotta relativa alla fattispecie vietata, senza necessità di un preventivo accordo organizzativo tra i partecipanti, e sulla base del principio di specialità, trova applicazione la disposizione del citato art. 9 ter del C.d.S. in luogo dell’art. 141 C.d.S..

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 17811 del 28/04/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 17803 del 28/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 17803 del 28 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 17803 del 28/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 140, 141 e 193 del Codice della Strada – Incidente stradale con esiti mortali – Condotta prudente nella guida – Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione stradale ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale, adeguare la velocità alle concrete condizioni della circolazione e obbligo di conservare sempre il controllo del veicolo, oltre che una condotta di guida di assoluta prudenza della quale fa parte anche l’obbligo di preoccuparsi delle possibili irregolarità di comportamento di terze persone.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 17803 del 28/04/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 17677 del 23/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 17677 del 23 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 17677 del 23/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 129, 130, 218, 219 e 224 del Codice della Strada – Sanzione accessoria della sospensione di patente di guida già revocata – Inapplicabilità – La sanzione accessoria della sospensione della patente di guida presuppone l’esistenza del documento ma, qualora il trasgressore non risulti più titolare di patente di guida perché revocata, la sospensione non può essere disposta per ineseguibilità derivante da mancanza del titolo.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 17677 del 23/04/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 16244 del 14/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 
16244 del 14 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 16244 del 14/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 3, 140 e 193 del Codice della Strada – Incidente stradale con esiti mortali – Area privata – Valutazione delle condotte dei singoli utenti della strada coinvolti ed accertamento delle relative responsabilità – In area privata è pur sempre imposta l’osservanza delle norme di prudenza e diligenza che il codice della strada prescrive per la circolazione su aree pubbliche, o di fatto soggette all’uso pubblico, in quanto resta identica la situazione materiale di pericolo derivante dalla predetta circolazione.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 16244 del 14/04/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 16241 del 14/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 16241 del 14 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 16241 del 14/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 145 e 154 del Codice della Strada – Incidente stradale – Omessa precedenza nel fuoriuscire da un passo carraio – I conducenti che fuoriescono da un passo carraio ed intendono eseguire una manovra per immettersi nel flusso della circolazione, devono assicurarsi di poter effettuare detta manovra senza creare pericolo o intralcio agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, distanza e direzione di essi.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 16241 del 14/04/2014”

Cassazione Penale, sentenza numero 16078 del 11/04/2014

Semaforo Verde
Giurisprudenza codice della strada e circolazione stradale
Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 16078 del 11 aprile 2014

Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 16078 del 11/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 140, 154, 182 e 193 del Codice della Strada – Manovra di svolta o cambiamento di direzione – Incidente stradale – Accertamento delle responsabilità – Assoluzione – Motivazioni – L’esclusione che le lesioni patite dal conducente siano state causate dalla condotta di guida della controparte deve essere esplicata dal giudice attraverso un percorso logico atto a verificare se la manovra eventualmente colposa di quest’ultima abbia comunque comportato la perdita dell’assetto del conducente e quindi la sua caduta a terra.

Leggi tutto “Cassazione Penale, sentenza numero 16078 del 11/04/2014”