Articolo 9 ter codice della strada

CODICE DELLA STRADA AGGIORNATO
Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285
D.Lgs. n. 285/1992

TITOLO I – DISPOSIZIONI GENERALI

Articolo 9 ter
Divieto di gareggiare in velocità con veicoli a motore

(Art. – del regolamento di esecuzione e di attuazione del C.d.S.)

Consulta il prontuario del C.d.S. per questo articolo


 [1]

1. Fuori dei casi previsti dall’articolo 9-bis, chiunque gareggia in velocità con veicoli a motore è punito con la reclusione da sei mesi ad un anno e con la multa da euro 5.000 a euro 20.000.

2. Se dallo svolgimento della competizione deriva, comunque, la morte di una o più persone, si applica la pena della reclusione da sei a dieci anni; se ne deriva una lesione personale la pena è della reclusione da due a cinque anni.

3. All’accertamento del reato consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da uno a tre anni ai sensi del capo II, sezione II, del titolo VI. La patente è sempre revocata se dallo svolgimento della competizione sono derivate lesioni personali gravi o gravissime o la morte di una o più persone. Con la sentenza di condanna è sempre disposta la confisca dei veicoli dei partecipanti, salvo che appartengano a persona estranea al reato e che questa non li abbia affidati a questo scopo.

NOTE

 [1] Articolo aggiunto dalla Legge 01.08.2003, n. 214 di conversione del Decreto Legge 27.06.2003, n. 151

Giurisprudenza articolo 9 ter codice della strada

 Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 17811 del 28/04/2014
Circolazione Stradale – Artt. 9-ter e 141 del Codice della Strada – Divieto di gareggiare in velocità con veicoli a motore – Principio di specialità – Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 9-ter del C.d.S., è sufficiente il solo fatto di porre in essere la condotta relativa alla fattispecie vietata, senza necessità di un preventivo accordo organizzativo tra i partecipanti, e sulla base del principio di specialità, trova applicazione la disposizione del citato art. 9 ter del C.d.S. in luogo dell’art. 141 C.d.S.
.

 Corte di Cassazione Penale – Sezione IV, Sentenza n. 31294 del 22/07/2013
Circolazione Stradale – Artt. 9 ter e 141 del Codice della Strada – Divieto di gareggiare in velocità con veicoli a motore – Il reato di cui all’articolo 9-ter del codice della Strada si concreta per il solo fatto di gareggiare in velocità con veicoli a motore. Non necessita, infatti, di un apparato organizzativo previsto, invece, dall’art. 9-bis dello stesso Codice – La disposizione di cui all’art. 141 C.d.S., comma 5, che impone al conducente di non gareggiare in velocità, deve essere integrata da quella di cui al comma 9, che fa salvo quanto previsto dall’art. 9 bis e art. 9 ter citati in base alla modifica legislativa sopra ricordata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *