Cerca
martedì 26 settembre 2017 ..:: Focus 2014 » 20140806 Identificazione Elezione domicilio minore ::..   Login
Navigazione Sito

 Newsletter Riduci


 Stampa   

 Identificazione, Elezione di domicilio, Nomina difensore Riduci

FOCUS
Rassegna di articoli attinenti agli
argomenti tratti da Semaforo Verde

 

06/08/2014
Indagato Minorenne.
Il verbale di identificazione e dichiarazione o elezione di domicilio, informazioni sul diritto di difesa ed effettiva conoscenza del 
procedimento a carico di persona indagata minorenne, alla luce delle modifiche
 apportate dalla Legge 28 aprile 2014, n. 67.

A cura di Salvatore Palumbo

 

 Così come già riportato nel Focus del 26/06/2014, La Legge 28 aprile 2014, n. 67, pubblicata in gazzetta ufficiale n. 100 del 2 maggio 2014 (Deleghe al Governo in materia di pene detentive non carcerarie e di riforma del sistema sanzionatorio. Disposizioni in materia di sospensione del procedimento con messa alla prova e nei confronti degli irreperibili) ed entrata in vigore il 17 maggio 2014 ha apportato sostanziali modifiche alle disposizioni contenute nel codice di procedura penale.

 Detta Legge, infatti, ha sostanzialmente modificato anche gli articoli 420-bis, 420-quater e 420-quinquies del codice di procedura penale (rispettivamente: Assenza dell'imputato, Sospensione del processo per assenza dell'imputato e Nuove ricerche dell'imputato e revoca della sospensione del processo).

 Una delle modifiche sopra citate ha riguardato la disciplina processuale nei casi di mancata costituzione in giudizio dell’imputato, ove viene meno la possibilità di procedere a giudizio nei confronti dell’imputato "contumace" (tranne nel caso in cui sia provato che lo stesso imputato sia venuto effettivamente a conoscenza del giudizio a suo carico o sussistano indici qualificati di conoscenza del processo da parte dello stesso).
 In assenza di uno dei casi anzidetti, infatti, il giudice dovrà disporre la sospensione del processo.

  Appurato che la conoscenza del giudizio a carico dell'imputato è inconfutabilmente dimostrata dalla notificazione diretta e personale degli atti interessanti il giudizio a cui lo stesso destinatario è sottoposto, i c.d. "indici qualificati" sono rappresentati in taluni atti redatti a carico dell'imputato quali, a puro titolo esemplificativo:
   - dichiarazione o elezione di domicilio;
   - nomina di un difensore di fiducia.

 Garanzie, queste, che devono riguardare anche - e sopratitto - il caso in cui l'indagato sia un soggetto minore di età.
 Per tale motivo, alcune Procure della Repubblica per i minorenni hanno impartito precise direttive rivolte a chi espleta servizi di Polizia Giudiziaria, invitando all'utilizzo di apposita modulistica qualora la persona indagata sia minorenne.

 La redazione di www.semaforo-verde.it ha, all'uopo, predisposto un modello di verbale di identificazione e dichiarazione o elezione di domicilio (ai sensi degli articoli 349 e 161 c.p.p.), informazioni sul diritto di difesa (ai sensi degli articoli 369 e 369-bis c.p.p.) ed effettiva conoscenza del procedimento a carico di persona indagata minorenne, come in uso dalla Polizia Locale di Milano precisando che consegna della copia del suddetto atto (tradotta nella lingua madre dell'indagato non italiano) deve essere rilasciata allo stesso previa sua sottoscrizione e quella dei suoi genitori, se presenti, per essere poi trasmesso alla competente Autorità Giudiziaria.

 

 


 DISCLAMER: Il presente testo rappresenta esclusivamente l'opinione dell'autore che ha autorizzato Semaforo Verde alla sua pubblicazione. Semaforo Verde non si ritiene responsabile dei contenuti.
 Vietata la riproduzione, anche parziale, del presente contenuto senza la preventiva autorizzazione degli amministratori del portale.


 Stampa   

Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation